SANTI, TESTIMONI  E  PREGHIERE

Domenica 13 giugno 2021



Repertorio
Informazioni e contatti
Vai alla barra di selezione

Maggio 2021 - 29 giorno

(Scheda 106/111, singola - Anno 2021)

MARATONA DI PREGHIERA 29 maggio - SANTO ROSARIO CON IL PAPA - maggio 2021

SANTO ROSARIO CON IL PAPA - maggio 2021
Ventinovesimo giorno - sabato 29 maggio

Nostra Signora del Libano - Harissa (Libano)

Intenzione di preghiera: Per le persone consacrate

Dal Libano, terra di antica cristianità, dal “Paese di Maria”, il cui nome è reso sacro dalla Bibbia, oggi ci viene l’invito a pregare con il Santo Padre per tutte le persone consacrate. Lo facciamo dal santuario di Nostra Signora del Libano ad Harissa, centro focale delle comunità cattoliche del Libano, a 25 km da Beirut. Dalla collina alta 600 metri l’imponente statua della Santa Vergine, con le braccia aperte domina la città e il mare.

IL CULTO MARIANO NEL LIBANO

La venerazione di Maria è profondissima nel cuore di tutti i Libanesi. Isolati fin dai tempi più remoti nella montagna libanese, i Cristiani, specie i Maroniti, in Maria hanno sempre trovato consolazione e rifugio. Essi associano la figura di Maria alle reminiscenze bibliche legate al Monte Libano e all’albero del cedro. Per loro la Vergine Maria è la prediletta da Dio nel Cantico dei Cantici, che viene dal Libano: essa s’innalza “come il cedro del Libano”; il profumo delle sue vesti è “come il profumo del Libano”[Cant. 4, 11]. Nelle Litanie Lauretane, i Maroniti, dopo l’invocazione “Rosa mystica”, inseriscono l’invocazione: “Cedro del Libano, prega per noi”.

(http://www.mariadinazareth.it/www2005/Santuari%20mariani%20nel%20mondo/Nostra%20Signora%20del%20Libano.htm )

LA STORIA DEL SANTUARIO

Il luogo per la costruzione del santuario e la collocazione della grande statua in bronzo fu scelto nel 1904 dal patriarca maronita di Antiochia per commemorare il 50° anniversario della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione. Il modello fu preso dall’immagine della Santa Vergine apparsa a Caterina Labouré nel 1830. Nell’ultimo decennio degli anni ’90 del Novecento la grande statua è stata affiancata da un nuovo grande santuario, che è divenuto luogo di profondo valore simbolico non solo per le Comunità cristiane, ma anche per i Musulmani e i Drusi libanesi. Tutti infatti riconoscono in Maria la Madre amorevole e premurosa di cui chiedono l’intercessione.

Nel 1997 papa Giovanni Paolo II celebrò la messa nel santuario di Harissa e dopo il Regina coeli ai piedi della Patrona del Libano, pronunciò l’“Atto di affidamento” in cui invocava la protezione della Madre del Sgnore sul Libano, sui Pastori, sui religiosi e le religiose, sulle famiglie, sui giovani, sui poveri, i prigionieri e i rifugiati. Concludeva: “…Veglia sull’intero popolo di questa terra così provata! A te lo affida il successore di Pietro, qui giunto per portare a tutti un messaggio di fiducia e di speranza. Possa avverarsi, sulla soglia del nuovo millennio cristiano, il messaggio profetico di Isaia: «Ancora un poco e il Libano si cambierà in un frutteto e il frutteto sarà considerato una selva [Is 29, 17]»… Regina della pace, proteggi il Libano!”.


Scarica schede PDF

Scheda




Selezione schede

|< < 103 104 105 106 107 108 109 > >| Vista elenco

Accedi a una scheda per numero


Premere questo pulsante per aprire la scheda corrispondente.

Impostazione elenco schede


Premere questo pulsante per effettuare l'impostazione:

Torna a inizio pagina


Risorse in rete
santiebeati liturgia cathopedia qumran diocesi l'azione unità pastorale avvenire.it

Aggiornamento: venerdì 11 giugno 2021
Copyright © 2020-2021 Lia Artico