SANTI, TESTIMONI  E  PREGHIERE

Venerdì 3 dicembre 2021



Repertorio
Informazioni e contatti
Vai alla barra di selezione

San Girolamo

(Scheda 142/153, composta da 2 sottoschede - Anno 2021)

STORIE 30 settembre - San Girolamo

SAN GIROLAMO
Sacerdote, Padre e Dottore della Chiesa

Oggi, 30 settembre, si ricorda uno dei grandi Dottori della Chiesa, la cui importanza nella tradizione cattolica è immensa: San Girolamo, l'asceta traduttore delle Sacre Scritture in latino.

La vita

Nato verso l'anno 347 a Stridone, al confine tra la Dalmazia e la Pannonia da una famiglia benestante di religione cristiana, Sofronio Eusebio Girolamo ricevette una solida istruzione di base nella città natale; compì poi gli studi a Roma presso valenti maestri. Nell'Urbe fu attratto per un certo periodo dalla vita mondana, ma poi, ravvedutosi e ricevuto il battesimo nel 366, si aggregò ad un gruppo di ferventi cristiani di Aquileia, riuniti intorno al vescovo Valeriano. Mentre approfondiva lo studio del latino, del greco e dell'ebraico, maturò la scelta di una vita ascetica. Verso il 372, carico di molti testi classici, si recò ad Antiochia di Siria. Seguirono dieci anni di permanenza nel deserto di Calcide, a sud di Aleppo, e in quel lungo periodo di solitudine e meditazione si dedicò allo studio della Parola di Dio ed ebbe modo di riflettere sul divario tra la mentalità pagana e la vita cristiana. scrisse molte opere che gettarono le basi dell'eremitismo occidentale. Nel 379 tornò ad Antiochia dove fu ordinato presbitero dal vescovo Paolino e si spostò a Costantinopoli dove continuò a studiare il greco sotto la guida di Gregorio Nazianzeno.

Nel 382 lo troviamo a Roma, a fianco di papa Damaso: intraprende una nuova traduzione in latino dei testi biblici, dà vita ad un circolo biblico e diviene maestro e guida spirituale delle nobildonne romane che desiderano approfondire la Parola di Dio. Ma Girolamo ha un carattere scontroso e polemico: egli condanna con durezza vizi ed ipocrisie e si attira così le critiche e l'antipatia di molti dotti e sapienti. Cosicché, morto Damaso, ritorna in Oriente con alcuni monaci e un gruppo di donne sue seguaci. Si ferma a Betlemme dove continua a dedicarsi alla difesa della fede contro le numerose eresie del tempo e fonda un monastero maschile e uno femminile e un ospizio per i pellegrini in visita in Terra Santa. Trascorso il resto della vita vicino ai luoghi santi, si spegne nella sua cella, vicino alla grotta della Natività, il 30 settembre del 419 o 420.

L'opera

La profonda e vasta erudizione consentirono a Girolamo di svolgere a favore della Chiesa il lavoro di revisione e traduzione di molti testi biblici: attuò la revisione dei quattro Vangeli in latino, del Salterio e di parte dell'Antico Testamento. È autore della cosiddetta Vulgata, il testo ufficiale della Chiesa latina che è stato riconosciuto come tale dal Concilio di Trento e che rimane in vigore anche dopo la recente revisione. Il rigore con cui san Girolamo procedette è riconosciuto ancora oggi come un capolavoro che è un tributo alla verità: uno strumento che ci mette in contatto e in dialogo personale con la Parola di Dio, donataci nella Sacra Scrittura. Perché, dice san Girolamo: «Cerchiamo di imparare sulla terra quelle verità, la cui consistenza persisterà anche nel cielo» (Ep. 53,10)


Scarica schede PDF

Scheda principale
Sottoscheda 2: San Girolamo - Preghiere




Selezione schede

|< < 139 140 141 142 143 144 145 > >| Vista elenco

Accedi a una scheda per numero


Premere questo pulsante per aprire la scheda corrispondente.

Impostazione elenco schede


Premere questo pulsante per effettuare l'impostazione:

Torna a inizio pagina


Risorse in rete
santiebeati liturgia cathopedia qumran diocesi l'azione unità pastorale avvenire.it

Aggiornamento: giovedì 21 ottobre 2021
Copyright © 2020-2021 Lia Artico