TLB edizione 2.1
Lettura dei libri di TeleBook
Copyright 2000-2011 Giuliano Artico
Dipartimento di Matematica, Università di Padova
Via Trieste 63, 35121 Padova, Italy
Pagina WebScrivi all'autore - Tel. 049/8271409
Istruzioni per l'uso del programma

IMPORTANTE

Si dà per scontato che, prima di iniziare a servirsi del programma TLB, ogni utilizzatore prenda visione del file licenza.txt ed accetti e rispetti integralmente le norme in esso contenute. Chi è in disaccordo anche con una sola delle condizioni deve rinunciare a qualunque impiego di questo software.

Sommario

0. Note preliminari

Questo file è la guida per l'uso di TLB, programma che serve per consultare TeleBook, la raccolta di libri in forma elettronica (versione per MS-DOS) curata e distribuita dall'Istituto Cavazza di Bologna.

Per la consultazione del manuale in ambiente MS-DOS è possibile utilizzare invece il file TLB.DOS, che può essere visualizzato con un qualunque editor di file di testo. Esso è dotato di riferimenti ipertestuali che ne consentono la lettura e la navigazione con il programma DOC.

Gli utilizzatori non vedenti sono invitati a leggere con particolare attenzione il paragrafo 1.3 Nota per gli utilizzatori non vedenti.

Torna al sommario.

1. Informazioni generali

1.1. Introduzione

TLB è un programma MS-DOS che funziona senza limitazioni anche in ambiente Windows (prompt dei comandi o "finestra DOS").

Ciascun libro di TeleBook consiste in un archivio compresso autoestraente. Se si volesse operare manualmente, la lettura di un'opera richiederebbe lo svolgimento dei passi seguenti:

La funzione del programma TLB è quella di consentire una comoda consultazione del catalogo e di eseguire in modo automatico le operazioni di decompressione e di visualizzazione. Per la visualizzazione dei file, TLB si avvale del programma DOC e, in rari casi, utilizza anche il programma AUTOSOMM (entrambi allegati alla distribuzione originale di TLB).

1.2. Download e installazione

Il programma TLB edizione 2.1 è fornito mediante due archivi di installazione a scelta.
tlb21w.exe
Questo archivio va usato per l'installazione in ambiente Windows. In questo caso i file del programma vengono normalmente collocati nella cartella c:\programmi\tlb.
tlb21.exe
Questo archivio va usato per l'installazione in ambiente MS-DOS. In questo caso i file del programma vengono normalmente collocati nella cartella C:\DOC.
Per installare il programma TLB svolgere le seguenti operazioni: Ciascuno dei due archivi di installazione estrae i file del programma e li colloca in una cartella del disco fisso, che nel seguito verrà indicata come cartella di installazione. La versione per Windows, inoltre, colloca nel desktop un collegamento per richiamare facilmente il programma TLB.EXE.

In entrambi i casi si può scegliere come cartella di installazione una cartella a piacere del disco fisso o di un'altra unità abilitata in scrittura (ad esempio una unità di memoria USB, una unità Iomega-ZIP, un disco virtuale abilitato in scrittura, eccetera).

I due archivi differiscono solo nelle modalità di installazione, mentre i file che vengono installati sono identici:

I file strettamente necessari per il corretto funzionamento sono TLB.EXE, DOC.EXE, AUTOSOMM.EXE e UNRAR.EXE. Per utilizzare le versioni più vecchie del CD di TeleBook occorre anche il file UNZIP.EXE. I programmi UNRAR.EXE e UNZIP.EXE possono essere sostituiti rispettivamente con RAR.EXE edizione 2.50 e PKUNZIP.EXE edizione 2.04.

Il programma TLB necessita di una certa quantità di spazio libero per collocarvi temporaneamente i file estratti dagli archivi presenti nel CD. L'utilizzatore non deve preoccuparsi di questo particolare ma, a titolo informativo, si segnala che per detta funzione viene utilizzata una fra le cartelle C:\TEMP, C:\WINDOWS\TEMP, C:\TMP, C:\ o, se nessuna delle precedenti è presente e utilizzabile, la cartella di installazione.

Una volta avviato, il programma cerca automaticamente l'unità disco che contiene il CD-ROM di TeleBook. Si osservi che, a causa della scansione preliminare svolta in fase di avvio, occorre attendere un certo tempo prima che il programma sia pronto per funzionare. In ambiente Windows tale attesa ha una durata trascurabile. In ambiente MS-DOS, invece, tale durata può arrivare a varie decine di secondi, ma può essere sensibilmente abbreviata copiando nella cartella di installazione di TLB i due file CATALOGO.TXT e ULTIMI.TXT che si trovano nel CD di TeleBook. Naturalmente tali file vanno sostituiti quando viene rilasciato un aggiornamento degli stessi.

1.3. Nota per gli utilizzatori non vedenti

Fino alla versione 1.5 di TLB, gli utilizzatori non vedenti che adoperano lo screen reader Jaws per Windows hanno incontrato una difficoltà durante l'installazione del programma. L'inconveniente era dovuto al fatto che l'archivio di installazione era prodotto con RAR per MS-DOS ed era dotato di script di installazione. In tali circostanze la schermata di presentazione viene intercettata in modo imperfetto da Jaws. Per tale ragione, a partire dalla versione 2.0 viene fornito anche un archivio di installazione più adatto all'ambiente Windows.

Si può comunque osservare che non è difficile installare il programma anche usando l'archivio di installazione per MS-DOS: subito dopo l'avvio, basta premere due volte la freccia in giù, quindi il tasto Invio e infine il tasto Esc.

Va precisato che la difficoltà di cui sopra riguarda esclusivamente la fase di installazione con l'archivio autoestraente e non il funzionamento del programma TLB.

1.4. Uso dei CD di TeleBook

Le edizioni più recenti della raccolta TeleBook superano la capienza di un solo CD. Il programma TLB è stato quindi dotato della capacità di riconoscere simultaneamente più CD di TeleBook, in modo che non sia necessario sostituire il CD quando l'opera richiesta non è presente nel CD attualmente inserito.

Qui di seguito sono illustrate le strategie possibili per usufruire comodamente dei due CD della raccolta.

1. Copiare TeleBook nel disco fisso
Copiare nella radice di una qualunque unità (disco fisso, memoria USB, scheda di memoria) le due cartelle presenti nei CD di TeleBook. Le cartelle vanno copiate per intero mantenendo i rispettivi nomi \LIBRI 1 e \Libri 2 (senza il carattere spazio in ambiente MS-DOS). E' ammessa la possibilità di copiare le due cartelle in unità diverse (ad esempio se non è disponibile abbastanza spazio libero in una singola unità). Un'ulteriore possibilità è di generare una cartella di nome \LIBRI nella radice di una qualunque unità e di copiare in essa tutti i file che si trovano nei CD di TeleBook (D*.EXE, CATALOGO.TXT, ULTIMI.TXT).
Tutte le cartelle di cui sopra possono essere sottocartelle della cartella di installazione oppure della cartella C:\DOC (cfr. il paragrafo 1.7).
2. Utilizzare due distinte unità di lettura CD
Se il PC in uso dispone di due unità CD, basta inserire un CD in ciascuna unità e il programma TLB effettuerà automaticamente la ricerca dell'opera richiesta.
3. Copiare in altra unità uno solo dei due CD
Operare come al punto 1 precedente, copiando però il contenuto di uno solo dei due CD. L'altro CD dovrà rimanere inserito durante l'uso del programma TLB.
4. Utilizzare immagini virtuali dei CD
Questa strategia è praticabile se il PC in uso dispone di un software capace di montare una o più immagini virtuali di CD.
Per prima cosa si devono trasferire i CD di TeleBook (uno o entrambi) in file in formato ISO, BIN, NRG, IMG e simili, da preparare usando un programma di masterizzazione o altro software idoneo. Successivamente tale immagine va caricata mediante un emulatore come DAEMON Tools, MagicDisc, Alcohol 120, eccetera. In tal modo il sistema vede ciascuna immagine come se fosse una nuova unità nella quale è inserito un CD di TeleBook.
5. Usare un'unica unità CD
Può essere che nessuno dei metodi precedenti sia praticabile perché si dispone di una sola unità CD, non si può copiare uno dei CD in un'altra unità e non è possibile utilizzare unità virtuali. In queste condizioni si inserisca uno dei due CD e si avvii TLB. Al momento di aprire l'opera desiderata, se la pressione di Invio provoca solo l'emissione di un segnale acustico di errore, basterà sostituire il CD e premere nuovamente Invio.
Alcuni commenti.

1.5. Avvio del programma TLB

In ambiente Windows il programma TLB va avviato con il collegamento che l'archivio di installazione colloca nel desktop.

Se si vuole avviare TLB da linea di comando (indifferentemente dal prompt di Windows oppure da DOS reale, occorre tenere presenti alcune considerazioni, che sono familiari a chi ha pratica con MS-DOS.

Buona norma è aggiungere il nome della cartella di installazione al path di sistema, in modo da poter richiamare il programma da qualunque posizione. Tuttavia, a partire dalla versione 1.5 di TLB questa operazione non è più necessaria: se non si include la cartella di installazione nel path di sistema, basta avviare il programma indicandone il percorso completo (volendo, mediante un file batch). Ad esempio, si può avviare l'esecuzione di TLB con un comando del tipo seguente:

D:\>c:\progra~1\tlb\tlb.exe
Ovviamente è anche possibile avviare TLB dopo aver selezionato la cartella di installazione con il comando CD.

1.6. Lettere accentate in ambiente Windows

In ambiente Windows XP può accadere che le lettere accentate dei testi presenti nella raccolta TeleBook per MS-DOS non vengano visualizzate correttamente dal programma TLB. In tal caso occorre verificare un'impostazione nelle proprietà del prompt dei comandi come descritto di seguito.
  1. Aprire il Menù avvio, scegliere Programmi, quindi Accessori e spostare il cursore su Prompt dei comandi, aprendone le proprietà.
  2. Nella pagina tabulata Carattere spostarsi nella seconda voce e scegliere il tipo di carattere Lucida Console.
  3. Andare a OK e battere Invio per accettare.
Quanto descritto sopra presuppone che la tabella codici attiva in MS-DOS sia la 850, che è normalmente il valore predefinito.

1.7. Osservazioni sull'installazione e sull'avvio

Estrazione manuale dei file del programma
Si può eseguire l'installazione del programma TLB semplicemente estraendo i file con un programma archiviatore. Ad esempio, se nel calcolatore è disponibile WinRAR, si può selezionare l'archivio di installazione da Risorse del computer, premere il tasto applicazioni (tasto destro del mouse) e quindi scegliere dal sottomenu WinRAR una delle voci di estrazione.
Scansione preliminare svolta in fase di avvio
La scansione è basata sui criteri indicati di seguito.
  1. Nella radice delle unità disco da C: a Z: viene cercata una cartella avente nome \LIBRI.
  2. Se tale cartella non viene trovata, il programma TLB cerca, sempre in tutte le unità disco, una cartella che corrisponda alla specificazione \LIBRI*, restringendo però la ricerca a quei nomi che al posto di «*» contengono numeri, spazi o il carattere tilde («~»). Ciò consente di riconoscere i CD di TeleBook anche quando il programma TLB viene usato in ambiente MS-DOS.
  3. Oltre che nella radice delle unità esistenti, le cartelle suddette vengono cercate anche all'interno della cartella di installazione e della cartella C:\DOC.
  4. Infine, condizione essenziale è che la cartella in cui si trovano i libri contenga il file CATALOGO.TXT di TeleBook (oppure, per le edizioni più vecchie della raccolta, il file TELEBOOK.TXT).

Torna al sommario.

2. Utilizzo del programma TLB

All'avvio del programma compare una maschera che ospita le informazioni delle opere (autore, titolo, eccetera). Sono disponibili vari comandi per selezionare le opere. Una volta trovata un'opera che interessa, si preme Invio e così hanno luogo le operazioni (automatiche) di decompressione e di visualizzazione. La navigazione all'interno del testo si esegue con i comandi propri del programma DOC (premere F1 per visualizzarne l'elenco). Per abbandonare la visualizzazione del testo e tornare al catalogo occorre premere due volte il tasto Esc.

Qui di seguito sono elencati i tasti per la scelta delle opere (alcuni tasti sono duplicati, vedere il prospetto delle corrispondenze nel paragrafo 5.2).

Spazio oppure Pagina giù
passa all'opera successiva.
BackSpace oppure Pagina su
passa all'opera precedente.
Home
salta alla prima opera in catalogo.
End
salta all'ultima opera in catalogo.
F2
permette di inserire una parola o frase da cercare.
Ctrl+Pagina giù
cerca in avanti la parola o frase già inserita.
Ctrl+Pagina su
cerca all'indietro la parola o frase già inserita.
Notare che la ricerca avviene selettivamente nei vari campi: ad esempio, se il cursore si trova nel campo autore e si preme "R" oppure F2, si dovrà indicare il nome di un autore, o parte di esso, da cercare in tale campo fra tutte le opere esistenti in catalogo. Se si vuole cercare un titolo, si può posizionare il cursore in una qualunque delle righe nelle quali il campo titolo è suddiviso.

Notare pure che il programma ricorda le frasi immesse in precedenza, una per ogni campo, anche se sono state inserite durante altre sessioni d'uso. Se una frase di ricerca è già stata inserita, essa viene riproposta per essere eventualmente accettata, modificata o sostituita. Ciò vale anche per la ricerca avanti (Ctrl+PgDn oppure A) e per la ricerca indietro (Ctrl+PgUp oppure I), dove viene usata un'eventuale stringa memorizzata in precedenza in corrispondenza del campo puntato dal cursore.

È infine possibile attivare la ricerca saltando direttamente a uno specifico campo: lo si fa premendo uno dei tasti numerici da 1 a 8, che corrispondono nell'ordine ai campi così come compaiono sullo schermo. Ad esempio, premere 3 equivale a posizionarsi sul campo autore e a premere poi il tasto R.

Si possono usare anche i tasti elencati di seguito.

F1
presenta l'elenco dei tasti disponibili.
F3
abilita o esclude le segnalazioni acustiche.
F4
abilita o esclude la scrittura dello schermo tramite BIOS.
F5
abilita o esclude la conservazione dei file temporanei.
F6
riporta alla condizione predefinita gli attributi di colore, il BIOS, i suoni e la conservazione dei file temporanei;
Canc
cancella il file temporaneo relativo all'opera mostrata.

Torna al sommario.

3. La «storia»

Con il termine storia si indica una zona di memoria nella quale sono conservati, in ordine cronologico, i riferimenti alle opere che vengono aperte. La registrazione dei riferimenti è automatica.

Si può scorrere l'elenco dei riferimenti con opportuni tasti:

Tab oppure F10
per passare alla voce successiva nella storia.
Shift+Tab oppure F9
per passare alla voce precedente nella storia.
F7 e F8
per saltare rispettivamente alla prima e all'ultima voce nella storia.
Per maggior comodità, sono previsti anche tasti alternativi che svolgono le medesime funzioni (v. l'elenco completo delle equivalenze nel paragrafo 5.2).

Nella parte inferiore dello schermo è posto un contatore che informa sullo stato della storia (posizione attuale e numero complessivo di voci registrate). Quando si incontra un'opera presente nella storia viene emesso un breve avviso sonoro.

Se un riferimento memorizzato nella storia non interessa più, lo si può cancellare: a tale scopo occorre selezionare l'opera in questione (mediante i tasti Tab e Shift+Tab) e poi premere Ctrl+Canc. La cancellazione avviene senza alcuna richiesta di conferma ed è accompagnata da un apposito segnale acustico.

Se si preme Ctrl+Invio oppure L il contenuto della storia viene trascritto in un apposito file di testo che si chiama TLB_STO.TXT. Lo stesso effetto si ottiene avviando il programma TLB con l'opzione /L (in questo caso il programma genera il file TLB_STO.TXT e quindi termina l'esecuzione).

Il file TLB_STO.TXT può fungere da catalogo alternativo perché i dati sono ivi riportati con lo stesso stile del catalogo ufficiale di TeleBook. Ad esempio, dopo aver generato tale file, è possibile eseguire nuovamente il programma TLB con l'opzione /Ftlb_sto.txt per consultare unicamente le opere presenti nella storia (usare il file batch STORIA.BAT allegato).

Il programma registra nella storia un numero massimo di 500 riferimenti. Una volta raggiunto questo limite, la registrazione di un nuovo riferimento comporta l'eliminazione del primo riferimento, che è quello più vecchio.

Si può infine cancellare l'intera storia delle consultazioni usando da riga di comando l'opzione /!0000000000 (dieci cifre 0). L'effettiva cancellazione è preceduta da una richiesta di conferma che si dà premendo la lettera S.

Torna al sommario.

4. Aggiornamenti

Com'è noto, i libri di TeleBook possono essere scaricati, previa richiesta di autorizzazione e rilascio di una password, da un'apposita pagina presso il sito Internet dell'Istituto Cavazza.

Se si è in possesso di una copia non aggiornata del CD-ROM di TeleBook, è possibile consultare simultaneamente il CD-ROM e le opere prelevate via Internet. A tal fine occorre adottare gli accorgimenti descritti qui di seguito.

Per prima cosa occorre prelevare gli archivi compressi con i libri che interessano, insieme con il catalogo aggiornato, e collocare il tutto in una cartella che chiameremo cartella degli aggiornamenti. Tale cartella può coincidere con la cartella di installazione oppure con una sua sottocartella di nome LIBRI (sono ammesse anche le cartelle secondo i criteri indicati nel paragrafo 1.7). Così facendo si induce il programma a caricare l'elenco aggiornato, che comprende sia le opere presenti nei CD-ROM sia quelle nuove collocate nella cartella degli aggiornamenti. Non ci sono variazioni nell'utilizzo: il programma TLB è in grado di individuare automaticamente la posizione dell'archivio nel momento in cui si preme il tasto Invio per avviare la lettura.

Il catalogo è un file di testo che può avere nome CATALOGO.TXT oppure TELEBOOK.TXT. I file compressi sono archivi autoestraenti aventi nomi del tipo Dxxxxx.EXE, dove al posto delle x si trovano caratteri numerici.

Un'ulteriore possibilità è quella di impostare la cartella degli aggiornamenti assegnandone il nome con la variabile di ambiente TLB_DAT. Ad esempio, in ambiente MS-DOS si può aggiungere al file AUTOEXEC.BAT una riga con il seguente comando:

set tlb_dat=d:\txt\telebook

Torna al sommario.

5. Note supplementari

5.1. Modifica degli attributi di colore

Gli utilizzatori che necessitano di particolari colori per migliorare la leggibilità delle scritte possono modificare gli attributi di colore del programma TLB. Sono previsti tre attributi, ciascuno dei quali è un numero compreso fra 1 e 255, che vanno indicati consecutivamente separati da un punto.

I tre numeri corrispondono rispettivamente agli attributi di colore utilizzati per la riga di stato, per le intestazioni dei campi e per il testo. Ad esempio, la stringa potrebbe essere 112.32.15. Essa può essere specificata in due modi.

Nota. L'impostazione degli attributi di cui sopra ha effetto unicamente per le scritte prodotte dal programma TLB: in particolare essa non influisce sulle scritte prodotte dal programma di visualizzazione DOC (che va quindi configurato separatamente) e non persiste al termine dell'esecuzione di TLB.

5.2. Prospetto dei tasti equivalenti

Alcuni tasti hanno un tasto equivalente che compie la stessa funzione. Nel prossimo elenco i tasti in una stessa riga sono fra loro equivalenti. I nomi delle frecce verticali sono abbreviati con su e giù, mentre Pagina su e Pagina giù sono abbreviati con PgUp e PgDn.
Tasti Descrizione
Invio   Freccia destra Conferma
Esc X Alt+X Uscita
Home P   Prima opera
End U   Ultima opera
PgUp - BackSpace Opera precedente
PgDn + Spazio Opera successiva
F1 H ? Elenco dei comandi
F2 R Alt+R Inserimento di una parola o frase da cercare
F3 S Alt+S Segnalazioni acustiche Sì/No
F4 B Alt+B Scrittura dello schermo tramite BIOS Sì/No
F5 C Alt+C Conservazione dei file temporanei Sì/No
F6 D Alt+D Ripristino condizioni predefinite
F7 0   Prima voce nella storia
F8 9   Ultima voce nella storia
F9 Tab Ctrl+su Voce precedente nella storia
F10 Shift+Tab Ctrl+giù Voce successiva nella storia
Ctrl+PgUp I Alt+I Ricerca indietro
Ctrl+PgDn A Alt+A Ricerca avanti

5.3. Altre variabili di ambiente

Sono previste due apposite variabili di ambiente per forzare il programma TLB ad adottare nomi di cartella particolari.
TLB_DAT
Indica il nome della cartella da utilizzare come cartella degli aggiornamenti (per il catalogo aggiornato e gli archivi compressi di TeleBook ottenuti tramite Internet). Un esempio di comando che si può aggiungere al file AUTOEXEC.BAT è il seguente:
set tlb_dat=e:\txt\telebook
Ricordare che questa assegnazione non è necessaria se il catalogo o gli archivi compressi vengono collocati in una cartella il cui nome segue i criteri indicati nel paragrafo 1.7.
TLB_CAT
Indica un nome alternativo del file catalogo, in sostituzione dei due nomi riconosciuti automaticamente CATALOGO.TXT e TELEBOOK.TXT. Esempio:
set tlb_cat=elenco.lst
Un effetto analogo si può ottenere con l'opzione /F (v. il prossimo paragrafo).

5.4. Opzioni nella riga di comando DOS

Le opzioni descritte di seguito vanno indicate nella riga di comando DOS e servono per modificare alcune caratteristiche di funzionamento fin dall'avvio del programma TLB. Ciascuna opzione può essere seguita da un parametro, il cui significato è illustrato nel seguito di questo paragrafo.
Opzione /A, seguita da 0 oppure da 1, default 1
Controlla l'indicizzazione mediante l'uso del programma AUTOSOMM.EXE (v. paragrafo 5.5). Normalmente l'indicizzazione è attiva (valore 1), mentre il valore 0 indica che l'indicizzazione viene esclusa.
Opzione /B, seguita da 0 oppure da 1, default 1
Questa opzione ha significato solo in ambiente MS-DOS.
Essa controlla la scrittura dello schermo tramite BIOS (1=scrittura tramite BIOS, 0=scrittura diretta). Nella schermata principale di TLB si può passare da una condizione all'altra premendo il tasto F4 oppure la lettera B.
Opzione /C, seguita da 0 oppure da 1, default 0
Determina se conservare (valore 1) oppure eliminare (valore 0) i file temporanei al termine dell'esecuzione (v. paragrafo 5.6). Normalmente i file temporanei vengono cancellati.
Opzione /F, seguita o meno da un nome di file
Consente di indicare un catalogo alternativo. Occorre indicare solo un nome di file senza percorso. Vedere anche la variabile di ambiente TLB_CAT.
Se l'opzione /F è usata da sola, senza un nome di file, viene adottato implicitamente il nome predefinito ULTIMI.TXT. Tale file contiene l'elenco delle opere aggiunte recentemente, opere che comunque sono elencate anche nel catalogo generale CATALOGO.TXT. Per consultare esclusivamente le opere elencate nel file ULTIMI.TXT si può usare il file batch ULTIMI.BAT.
Opzione /L (senza parametri)
Trascrive nel file TLB_STO.TXT le voci memorizzate nella storia (v. capitolo 3). L'effetto è analogo a quello ottenuto battendo Ctrl+Invio oppure la lettera L nella schermata principale, con la differenza che usando l'opzione /L da riga di comando il programma genera il file e quindi termina l'esecuzione.
Opzione /S, seguita da 0 oppure da 1, default 1
Controlla le segnalazioni acustiche (1=segnalazioni attive, 0=segnalazioni escluse). Nella schermata principale di TLB si può passare da una condizione all'altra premendo il tasto F3 oppure la lettera S.
Opzione /V seguita da tre numeri nell'intervallo 1-255 separati da un punto
Modifica o visualizza gli attributi di colore per le scritte prodotte da TLB (v. paragrafo 5.1). Per esaminare l'effetto degli attributi specificati, aggiungere il carattere +.
Opzione /\ seguita da una cifra compresa fra 0 e 3
Funziona come nel programma DOC.EXE e serve per controllare la presenza della riga di stato di tale programma. A seconda della cifra indicata a destra dell'opzione, la riga di stato di DOC risulta:
 0 presente sia nell'ambiente comandi sia nell'ambiente lettura;
 1 soppressa nell'ambiente comandi;
 2 soppressa nell'ambiente lettura;
 3 soppressa sia nell'ambiente comandi sia nell'ambiente lettura.
Se si usa il programma in abbinamento conJaws per Windows, conviene indicare l'opzione /\2 perché altrimenti lo screen reader pronuncia la riga di stato a ogni cambio di schermata. Notare che l'opzione è attivata implicitamente se TLB è usato in ambiente Windows XP. In tal caso si può usare l'opzione /\0 se, per qualche motivo, si preferisce ripristinare la presenza della riga di stato. Tenere comunque presente che, se necessario, si può far comparire temporaneamente la riga di stato con la combinazione di tasti Alt+Z.
Opzione /!0000000000 (dieci cifre 0)
azzera la storia delle consultazioni, previa richiesta di conferma (v. capitolo 3).
Opzione /?
provoca la comparsa di una videata di informazioni sul programma TLB.

5.5. Libri suddivisi in più parti e opzione /A

Nel decomprimere un archivio di TeleBook il programma TLB genera sempre un unico file temporaneo con nome provvisorio ed estensione .TLB. Alcuni archivi compressi presenti in TeleBook contengono un libro suddiviso in più file. In questi casi il file temporaneo consiste nell'unione dei vari file e viene dotato di un indice, compatibile con il formato previsto dal programma DOC, in modo che, premendo il tasto Esc durante la visualizzazione, compaia l'elenco dei file originali presenti nell'archivio. Questa funzione utilizza il programma AUTOSOMM per la generazione dell'indice.

Se si vuole escludere la generazione dell'indice suddetto, occorre specificare l'opzione /A0 nella riga di comando DOS. In tal caso il file temporaneo consiste semplicemente nei vari file agganciati in sequenza.

5.6. Conservazione dei file temporanei e opzione /C

Se si intende consultare spesso un determinato testo, può essere preferibile conservare il file temporaneo, invece di doverlo generare ripetutamente. Per ottenere questo effetto, basta portare a il parametro conserva usando il tasto F5 oppure la lettera C nella schermata principale di TLB.

Si può fissare al momento dell'avvio la condizione di questo parametro specificando nella riga di comando l'opzione /C1 per indicare che i file temporanei vanno conservati e invece /C0, o più semplicemente /C, per ripristinare la condizione normale che comporta la cancellazione di tali file al termine della lettura.

Notare che la conservazione dei file temporanei può impegnare una notevole quantità di spazio nel disco fisso. Se si desidera eliminare la copia temporanea di una certa opera, basta selezionarla e battere il tasto di cancellazione Canc.

5.7. Conservazione dello stato del programma e file di inizializzazione

Il programma TLB mantiene lo stato in cui si trova al termine della sessione d'uso. A tal fine i dati necessari vengono memorizzati in un file su disco dal nome TLB{DAT}.INI collocato nella stessa cartella in cui si trova il file TLB.EXE. In tale file è conservata anche la storia delle consultazioni, che perciò va persa se si cancella il file stesso.

A partire dalla versione 1.4, TLB memorizza nella storia un numero massimo di 500 riferimenti (contro i 200 delle versioni precedenti). I dati memorizzati con versioni precedenti di TLB vengono accettati da TLB 1.4, 1.5, 2.0 e 2.1.

5.8. Decompressione degli archivi

Malgrado gli archivi compressi di TeleBook siano "autoestraenti" (cioè capaci di espandere il proprio contenuto una volta lanciati in esecuzione), il programma TLB effettua la decompressione richiamando l'apposito programma archiviatore UNRAR.EXE (o UNZIP.EXE per le vecchie edizioni di TeleBook).

Quando si conosce il tipo di archiviatore con cui è stato generato l'archivio autoestraente, è preferibile operare la decompressione senza lanciare in esecuzione l'archivio stesso. Sarebbe bene applicare abitualmente questo principio perché offre un buon grado di protezione contro i virus informatici.

Torna al sommario.

Informazioni

6.1. Compatibilità con le varie versioni del CD di TeleBook

Il programma TLB edizione 2.1 è stato collaudato con i CD-ROM di TeleBook di marzo 2011, versione per MS-DOS, gentilmente messi a disposizione dall'Istituto Cavazza. Il programma TLB risulta funzionare correttamente anche con le versioni precedenti della raccolta.

L'autore del programma TLB è Giuliano Artico, che ha condotto lo sviluppo del programma in modo del tutto autonomo e indipendente dall'Istituto Cavazza, seguendo a posteriori le variazioni che i curatori della raccolta hanno via via apportato.

L'autore del programma TLB non è in grado di assicurare la compatibilità di questa versione con gli aggiornamenti successivi della collezione, a causa di imprevedibili modifiche che l'Istituto Cavazza in futuro potrebbe introdurre.

Vedere il capitolo 4 per informazioni sugli aggiornamenti di TeleBook.

6.2. Variazioni rispetto alle edizioni precedenti di TLB

Edizione 2.1

  1. Migliorata la gestione di TeleBook quando la raccolta è costituita da più CD (v. paragrafo 1.4).
  2. È cambiato il funzionamento di alcuni tasti. Premere:
    Spazio per passare all'opera successiva;
    BackSpace per passare all'opera precedente;
    Tab per passare alla voce successiva nella storia;
    Shift+Tab per passare alla voce precedente nella storia.
  3. Quando si incontra un'opera presente nella storia viene emesso un avviso sonoro.
  4. Corretti due difetti della storia.
    • Uscendo dal programma non veniva mantenuta la posizione attuale nella storia.
    • Allorché si caricava un catalogo parziale (ad esempio ULTIMI.TXT) andavano perse le voci della storia relative a opere ivi assenti. Il difetto è stato eliminato: adesso, riaprendo il programma TLB con il catalogo completo, la storia ricompare integra.

Edizione 2.0

  1. L'archivio di installazione viene fornito in due versioni, rispettivamente per l'installazione in Windows e in MS-DOS (v. paragrafo 1.2).
  2. Il manuale del programma viene fornito in due versioni:
    • file TLB.HTM = testo da visualizzare con un browser di pagine Web;
    • file TLB.DOS = file indicizzato per la lettura in DOS con il programma DOC.
  3. È stata eliminata la restrizione che, fino alla versione 1.5 di TLB, consentiva la consultazione di un numero massimo di 4096 opere di TeleBook.
  4. Difetti della versione 1.5 corretti nella versione 2.0.
    • In certe condizioni la storia non veniva memorizzata e inoltre alcuni riferimenti potevano risultare non funzionanti.
    • Lo stato dei parametri per suoni, BIOS e conservazione file temporanei non veniva mantenuta per la successiva sessione di utilizzo.

Edizione 1.5

  1. Il manuale del programma viene fornito in due versioni:
    • file TLB.TXT = testo leggibile in ambiente Windows;
    • file TLB.DOS = file indicizzato per la lettura in DOS con il programma DOC.
  2. Non esiste più alcun vincolo sul nome della cartella di installazione, purché tale nome segua la regola 8+3 del DOS. Pertanto è stata abolita la variabile di ambiente TLB_DIR.
  3. Diversamente dalle edizioni precedenti, l'indicizzazione dei libri suddivisi in più file è normalmente abilitata: per escluderla occorre avviare TLB con l'opzione /A0 (v. paragrafo 5.5).
  4. Opzioni nella riga di comando (v. paragrafo 5.4):
    • sono state aggiunte le nuove opzioni /L, /V e /\.
    • è cambiata la sintassi delle opzioni /A, /B, /C e /S: ora tutte e quattro le opzioni possono essere seguite da 0 oppure da 1. Ciascuna opzione, se usata da sola (cioè non seguita dal valore numerico), ripristina la condizione di default del parametro corrispondente. Precisamente:
      /A equivale a /A1
      /B equivale a /B1
      /C equivale a /C0
      /S equivale a /S1
  5. La distribuzione di TLB include ora il programma di decompressione UNRAR.EXE, dato che attualmente gli archivi presenti nel CD di TeleBook utilizzano il formato RAR. Il programma UNZIP.EXE viene ancora incluso per consentire il funzionamento con le vecchie versioni del CD di TeleBook. Se tale compatibilità non interessa, il file UNZIP.EXE può essere cancellato.
  6. Il formato del file di inizializzazione TLB{DAT}.INI rimane invariato fra le edizioni 1.4 e 1.5 di TLB. Per quanto riguarda la compatibilità, la versione 1.5 riconosce i file di inizializzazione generati da tutte le edizioni precedenti. Invece non sussiste la compatibilità in senso inverso per le versioni antecedenti alla 1.4. Per tale ragione non si deve utilizzare un'edizione di TLB fino alla 1.3 se è stata usata la versione 1.4 o una versione successiva, pena la perdita dei dati memorizzati e in particolare dei riferimenti della storia delle consultazioni.
  7. Alcuni miglioramenti e una maggiore efficienza del programma sono stati ottenuti grazie all'impiego del compilatore Powerbasic per DOS, che ha richiesto una revisione approfondita di buona parte del codice.

Edizione 1.4

  1. La nuova opzione da riga di comando /F permette di indicare un catalogo alternativo in sostituzione di quello ufficiale di TeleBook. L'opzione /F può essere seguita o meno dal nome di un file catalogo; se l'opzione è usata senza un nome di file, viene adottato implicitamente il file ULTIMI.TXT che nel CD di TeleBook elenca le opere aggiunte recentemente. Occorre indicare solo un nome di file senza percorso.
  2. È stato aggiunto il campo NOTE, previsto nelle edizioni più recenti del catalogo di TeleBook.
  3. I tasti numerici da 1 a 8 attivano la ricerca selezionando uno dei campi, nell'ordine in cui essi compaiono sullo schermo (1 per codice, 2 per materia, 3 per autore e così via).
  4. La funzione svolta in precedenza da 1 (equivalente a F7) è ora svolta da 0, mentre quelle di 2 e di 8 rimangono assegnate solo a F9/F10 oppure Ctrl+Su/Giù.
  5. Nuovo comando azionato da Ctrl+Invio o L o Alt+L: trascrive il contenuto della storia in un apposito file di testo che si chiama TLB_STO.TXT. Tale file può fungere da catalogo alternativo perché i dati sono ivi riportati con lo stesso stile del catalogo di TeleBook (usare l'opzione /F oppure il file batch STORIA.BAT).
  6. Nuovo comando azionato da F6 o D o Alt+D: riporta alla condizione predefinita gli attributi di colore, il BIOS, i suoni e la cancellazione dei file temporanei.
  7. Il programma di decompressione UNZIP.EXE viene fornito nella distribuzione originale di TLB.
  8. Il numero massimo di riferimenti che la storia può ospitare passa da 200 a 500 e di conseguenza la grandezza del file di inizializzazione TLB{DAT}.INI passa da 2048 a 8192 byte.
  9. È stato corretto un difetto a causa del quale, dopo la pressione di F1, rimanevano sullo schermo tracce delle informazioni della schermata di aiuto.

Edizione 1.3

  1. Con la combinazione Ctrl+Canc si elimina dalla storia il riferimento all'opera mostrata sullo schermo.
  2. Nell'edizione 1.2 la parte di titolo eccedente la lunghezza di una riga non veniva visualizzata e la funzione di ricerca ignorava questa parte. Ora i titoli lunghi sono distribuiti su più righe e si possono cercare parole presenti in qualunque posizione di qualunque campo.
  3. Il file catalogo può chiamarsi indifferentemente CATALOGO.TXT oppure TELEBOOK.TXT. Inoltre è possibile assegnare un nome a piacere impostando la variabile di ambiente TLB_CAT (solo il nome del file, non il percorso). Ad esempio: set tlb_cat=elenco.lst
  4. Il file catalogo può essere un testo di tipo Unix, cioè i ritorni a capo possono essere costituiti semplicemente dal carattere LF (ASCII 10) invece che dalla consueta sequenza CR+LF, codici 13 e 10.

Edizione 1.2

Aggiunto il riconoscimento del nuovo formato del catalogo di TeleBook.

6.3. Riferimenti

La raccolta TeleBook, cui il programma TLB è abbinato, è curata dall'Istituto dei ciechi Francesco Cavazza http://www.cavazza.it,
via Castiglione 71, 40124 Bologna, Tel 051-332090, fax 051-332609, istituto<CHIOCCIOLA>cavazza.it.

Riferimenti riguardanti il software.

Linguaggio usato per realizzare il programma TLB
Le versioni 1.5, 2.0 e 2.1 di TLB sono prodotte con Powerbasic per DOS.
Le versioni fino alla 1.4 sono prodotte con VBDOS Visual Basic per MS-DOS della Microsoft.
Archivi di installazione
L'archivio di installazione per Windows è prodotto con WinRAR.
L'archivio di installazione per MS-DOS è prodotto con RAR 2.50.
Nota. Questa è stata l'ultima versione di RAR funzionante in modo interattivo in ambiente MS-DOS. Essa non è più disponibile nel sito originale di RAR.
.
Programmi di decompressione allegati a TLB
Il programma UNRAR.EXE edizione 2.50 è un modulo freeware incluso nella distribuzione di RAR 2.50.
Per informazioni sul programma UNZIP.EXE edizione 5.50 consultare la pagina Web Info-ZIP.
Software per la visualizzazione dei testi
I file DOC.EXE e AUTOSOMM.EXE fanno parte del programma DOC edizione 7.50, alla cui documentazione si rinvia per le relative informazioni.

Selezionare qui per scaricare il programma TLB.

Torna al sommario.



Università Registrazioni Ciechi File I3LGP Religione Scrivi Inizio