SANTI, TESTIMONI  E  PREGHIERE

Sabato 28 gennaio 2023



Repertorio
Informazioni e contatti
Vai alla barra di selezione

Maggio 2021 - 19 giorno

(Scheda 94/153, singola - Anno 2021)

MARATONA DI PREGHIERA 19 maggio - SANTO ROSARIO CON IL PAPA - maggio 2021

SANTO ROSARIO CON IL PAPA - maggio 2021
Diciannovesimo giorno - mercoledì 19 maggio

Meryem Ana Evi sul monte Sulmisso (Turchia)

Intenzione di preghiera: Per le popolazioni in guerra e la pace nel mondo

Sul promontorio che domina il mar Egeo e che sovrasta i resti dell’antica Efeso, sulla costa occidentale dell’odierna Turchia, sorge un piccolo edificio risalente al primo secolo dell’era cristiana. Si tratta di Meryem Ana Evi, la casa della Vergine Maria. È il luogo dove la Madre del Signore avrebbe trascorso gli ultimi anni della sua vita assieme all’apostolo Giovanni e qui sarebbe avvenuta la sua Dormizione e Assunzione. Secondo una tradizione che risale al secondo secolo, Maria e l’apostolo si rifugiarono in questo luogo a partire dall’anno 44 circa per sfuggire alle persecuzioni da parte di Erode Agrippa I.

La straordinaria scoperta

Una piccola casa di pietra sulla cima di un colle, una volta immersa nel verde e nel silenzio, ed ora meta di pellegrini e visitatori, ci racconta una parte poco nota della vita della Madre di Dio. Al centro il focolare, a destra una piccola camera da letto e in fondo un angolo per la preghiera dove era custodito il Pane eucaristico. Semplice e misteriosa, questa umile casa, nella tradizione dei cristiani ortodossi discendenti dai primi cristiani di Efeso, è da sempre stata attribuita a Maria. Essi, per molti secoli, si sono recati in quel luogo il 15 agosto di ogni anno a venerare la Santa Vergine.

Fino alla fine del XIX secolo non se ne sapeva nulla. Nell’ottobre 1881 avvenne un fatto straordinario. Il sacerdote ed archeologo francese Julien Gouyet, sulla base del resoconto delle visioni della monaca e mistica tedesca Anna Katharina Emmerick (1774 - 1824) (beatificata da papa Giovanni Paolo II nel 2004), si recò in Turchia e individuò le rovine della casa. La mistica, nel raccontare la vita della Madonna, aveva descritto la sua casa in modo così esatto che non fu difficile riconoscerla. L’abate sulle prime non fu preso sul serio. Dieci anni più tardi però, i due sacerdoti lazzaristi Jung e Paulin, incoraggiati dalla suora francese Marie de Mandat-Grancey, recatisi sul posto, si convinsero che si trattava davvero della dimora della Vergine.
L’edificio che vediamo ora è il risultato dei restauri condotti intorno agli anni ’50 del Novecento.

Secondo un’altra tradizione la Dormizione e Assunzione della Santa Vergine avvennero a Gerusalemme, dove Maria sarebbe tornata da Efeso con Giovanni verso l’anno 49, in occasione del primo Concilio. (maggiori notizie in: https://www.wikiwand.com/it/Casa_di_Maria )

Nota: La Casa di Maria, come molti altri luoghi di preghiera dedicati alla Santa Vergine, è riconosciuta come luogo di culto anche dai musulmani.


Scarica schede PDF

Scheda




Selezione schede

|< < 91 92 93 94 95 96 97 > >| Vista elenco

Accedi a una scheda per numero


Premere questo pulsante per aprire la scheda corrispondente.

Impostazione elenco schede


Premere questo pulsante per effettuare l'impostazione:

Torna a inizio pagina


Risorse in rete
santiebeati liturgia cathopedia qumran diocesi l'azione unità pastorale avvenire.it

Aggiornamento: giovedì 21 ottobre 2021
Copyright © 2020-2023 Lia Artico